Archivio tag: creatività

Cibo, alcol, sport e… cultura: ecco la tua community

ba8aabac90290f9933eed20d81d96a67Sono molti gli spazi che stanno nascendo, proprio per questo per chi gestisce un coworking è necessario tenere in considerazione ciò che è un “valore aggiunto” per i membri. Chiaramente l’estetica fa la sua parte ma non basta; quello che conta, ormai è risaputo, è la capacità di coltivare la comunità interna.

Un coworker ama essere circondato da talenti, da figure di successo e, ancor più, sentirsi parte di questa di comunità. Il segreto è tutto qui, il fallimento o il successo di uno spazio dipende quasi esclusivamente dalla capacità che un coworking manager ha di far sentire le persone nel posto giusto. Non è però un compito da niente e soprattutto perché questo avvenga, alla forma deve corrispondere la sostanza.

Ecco tre consigli dal basso che possono essere utili a tutti, ai gestori e ai coworker perché l’iniziativa all’interno di uno spazio possa partire da chiunque mischiando cibo, alcol e sport!

Community salad
È un pranzo di gruppo dove ogni coworker porta un ingrediente o due e tutti preparano il pranzo: tagliando, pelando, salando e soprattutto mischiando gli ingredienti, per creare insieme vari tipi di insalate. La creatività in cucina sarà il primo passo per far incontrare le affinità elettive o semplicemente mettere in contatto le varie persone.

La Partita
Organizzare un campionato interno di ping-pong tra i coworker, che abbia luogo un giorno preciso della settimana. Il venerdì sera è una buona opzione per esempio perché all’interno dell’ufficio si respiri un’aria di allegria e ilarità. Annotate i risultati sull’immancabile lavagna/muro in modo che tutti possano seguire il torneo.

Birretta di fine giornata
Non chiamiamolo aperitivo, perché vuole essere ancora più informale e rilassato. Pochi non apprezzano alla fine della giornata lavorativa una birra fredda, accompagnata da spuntini. Una volta al mese è possibile organizzare questo afterwork per creare un’atmosfera rilassante tra i vostri coworker. Ognuno può invitare chi vuole, una buona occasione per convertire questa attività in un evento di networking.

BookCrossing
Prendete un angolo accogliente e destinatelo ai libri. Incoraggiate i vostri colleghi a nutrire questo spazio periodicamente, portando libri che trovano interessanti. È un buon modo, facile e gratuito, per condividere le conoscenze tra di loro.

3 modi di vivere il coworking con successo

90ec8a1f2408f9046e0976b88acdbddcIntrodurre la cultura del lavoro da casa
Questa affermazione potrà sembrare un controsenso ma la cultura organizzativa gioca un ruolo importante così come lo spazio fisico in cui viviamo. Capitano giorni in cui davvero si ha bisogno di fare un lavoro intenso o semplicemente non sopportiamo di essere in ufficio. Dopo tutto gli esseri umani non sono destinati a rimanere staticamente seduti per otto ore al giorno. Prendersi un giorno al mese per lavorare da casa, o in uno dei nostri bar preferiti, ci fa riacquistare quel senso di libertà che incoraggia la libera professione. Al rientro nel coworking la nostra serenità influenzerà positivamente l’umore dei colleghi vicini. Buone vibrazioni possono diffondersi facilmente come i raffreddori dopotutto.

Raccontare cosa stiamo facendo ogni giorno
Siamo tutti impegnati lo sappiamo. Una cosa fondamentale però è che la nostra operosità sia condivisa e non ostacolata da una forma di “non comunicazione”. Se proprio non avete tempo utilizzate una lavagna per parlare con i vostri colleghi, in modo che ogni membro dello spazio possa raccontare al meglio ciò che sta facendo. Chiunque potrebbe aver bisogno di una mano. Questo modus operandi implica la costruzione di una cultura della fiducia, un’abitudine che consente di conoscere gli altri coworker e collaborare professionalmente con loro.

Uscire dallo spazio per essere creativi
Prendere delle pause all’aria aperta per meditare ha un impatto positivo sulla produttività e anche sulla produzione creativa. Se ci fermiamo a riflettere e a pensare criticamente viene da chiedersi: di cosa i nostri corpi e le nostre menti hanno veramente bisogno per essere creative e collaborative? Le ricerche mostrano che le intuizioni e le idee vengono quando i nostri cervelli sono più rilassati. Del resto salire le scale ringiovanisce, mangiare fuori dalla scrivania rinfresca le idee e andare in bicicletta impatta positivamente sul buon umore.

 

Quando il divertimento è pubblicità

Vi annoiate in ufficio? Concedetevi di giocare un po’ da soli o con un coworker, se siete talentuosi, arguti e ispirati forse ne trarrete un’ottima pubblicità. Francesco Fragomeni e Chris Limbrick , due creativi di una web agency di New York, si divertono ad animare la loro vita in ufficio ricreando opere d’arte. L’ unica regola del gioco: utilizzare solo gli accessori che si trovano sul posto di lavoro. Un’economia di mezzi che si è riempita con una creatività senza limiti. Dopo aver inizialmente riprodotto la “Creazione di Adamo” di Michelangelo, Francesco e Chris esplorato dipinti di Memling, Rembrandt, Caravaggio, Magritte etc. Una vena inesauribile che ovviamente meritava il suo sito web Do Fools Art. Ecco alcune “opere” selezionate:

vermeer-2fridamagrittevan-eyck

Al via l’Expo delle startup

6568002795_bbe2101689_zIn attesa di conoscere ulteriori sviluppi in merito all’esposizione universale prevista per il 2015, Milano non aspetta, e dà il via ad una due giorni in cui gli innovatori incontreranno finanziatori e avranno la possibilità di mettere in mostra le proprie ‘creazioni’ nei settori che spaziano dalla cultura al digitale, dalla moda al design, dal cinema alla comunicazione: è l’Expo delle Start up, evento italiano a carattere internazionale promosso dalla Regione Lombardia in programma dal 19 al 20 giugno a Milano al Palazzo della Regione Lombardia. Gli spazi dell’Expo saranno occupati da stand delle 200 aspiranti imprese e da tavoli di incubatori, acceleratori, istituzioni; qui si alterneranno momenti dedicati alle presentazioni di idee (pitch) degli startupper a interventi di potenziali finanziatori. Continua a leggere

Coworking a SanFrancisco: ingegneri e scienziati condividono spazi e idee

45f06ed2-a4fc-4be0-a5e9-9049713c080cThe Embassy è una delle nuove “comuni” di San Francisco, abitate da persone che lavorano per la scienza o nel campo dell’ingegneria, della tecnologia, del design e della medicina.

La richiesta per l’affitto va affidata a Internet, con foto, curriculum e lettera motivazionale. I prezzi, nella fase della crisi abitativa più importante della storia di San Francisco, sono in linea col mercato (dai mille ai 2 mila dollari, in base alla dimensione della camera). Gli inquilini valutano il profilo della persona: si cercano individui creativi «o che abbiano una personalità interessante per la comunità», dice Ben Provan, che ha iniziato il progetto con i suoi due coinquilini un anno e mezzo fa. «Abbiamo messo insieme un gruppo di persone che condividano gli stessi valori». Al numero 399 di Webster Street vivono oggi dodici «residenti» e sei ospiti, persone in viaggio che hanno avuto la fortuna di affittare una stanza per un breve periodo, assaggiare la vita californiana di città, per poi ripartire (per gli ospiti la camera ha un costo di circa 59 dollari al giorno e possono godere di tutti i comfort della casa, che vanta anche una piccola pista da bowling e una stampante in 3D). Continua a leggere

Transforma BXL: a Bruxelles Cowork in progress

lsNasce a Bruxelles un nuovo spazio di coworking e innovazione: Transforma BXL. L’ambizione degli ideatori del progetto è di creare un ambiente stimolante e favorevole per gli innovatori, imprenditori e creativi di Bruxelles. Come? Agendo direttamente sul potenziamento della comunità dei membri, per facilitare la nascita di iniziative imprenditoriali e innovative. L’idea è quella di prosperare con il coinvolgimento della sua comunità, aprendo alla collaborazione e alla co-creazione di contenuti con tutti i suoi membri.

Transforma BXL è dove si lavora a contatto con persone interessanti e dove nascono nuove idee. Bruxelles, già all’avanguardia rispetto ad altre località europee, con questo progetto vuole essere ancor più moderna: si avrebbe così la possibilità di organizzare e ospitare workshop, conferenze, meeting, corsi di formazione ed eventi innovativi negli open space. Continua a leggere

Milano, riqualificazione creativa e culturale per uno spazio polifunzionale

1620819_235874489869871_464699509_nNei prossimi giorni il Comune di Milano pubblicherà nella relativa sezione il bando dedicato alla riqualificazione dell’immobile comunale di viale Toscana 31. La volontà è quella di restituirlo alla città nella nuova veste di spazio polifunzionale per l’arte, lo spettacolo, l’innovazione e la creatività. Durante questi mesi invernali, l’edificio, di oltre mille metri quadrati di superficie, è stato utilizzato nell’ambito del Piano di accoglienza del Comune di Milano ospitando alcune persone senzatetto.

La Giunta di Palazzo Marino, dando il via al percorso di recupero e riutilizzo della struttura, ha deciso che lo stabile sarà messo a bando e dato in concessione per dieci anni, per realizzare sul territorio progetti culturali, sociali ed educativi di interesse pubblico. Continua a leggere

Pazza idea: pensiero creativo a Cagliari

Pazza-idea-pensiero-creativoPerché la Sardegna non sia solo protagonista delle cronache per calamità naturali, ci piace segnalare un evento che inizia in data odierna: un festival creativo che si terrà a Cagliari. L’appuntamento si chiama Pazza idea. Pensiero creativo ed è un progetto su libri e lettura che punta tutto sulla creatività, sui nuovi linguaggi, sull’attenzione e il coinvolgimento dei giovani lettori.

In programma dal 22 al 24  novembre 2013, per parlare di creatività non solo come estro artistico, ma come capacità di leggere il presente e affrontare il futuro; strumento di analisi e comprensione del quotidiano, arma di problem solving e di innovazione, ingrediente fondamentale per la creazione di un percorso professionale e personale autentico e proprio.

Oltre a incontri con scrittori, giornalisti, comunicatori, esperti di cultura digitale e new media, illustratori, registi che parleranno del loro approccio alla creatività, sono previsti sessioni di workshop pensati in particolare per giovani e giovanissimi sull’evoluzione dei linguaggi e delle figure professionali legate alla creatività.

Una rassegna che parla di creatività e nuovi linguaggi per raccontare il quotidiano che stiamo attraversando, i nuovi modi di fruire e vivere la letteratura, di contaminarla con altre modalità espressive, di passare dalla narrazione letteraria a una narrazione corale e condivisa, come è quella che viene dai social network e dalla rete, fino a parlare di comunicazione 2.0 e di cultura digitale.

Vari percorsi attraversano Pazza idea. Pensiero creativo e si intrecciano durante i tre giorni della rassegna, a partire da libri e letteratura con l’idea di trovare spunti di riflessione e momenti pratici in cui esplorare e sperimentare il nuovo che in un attimo è già realtà tangibile, innovazione. Nuovo che innanzitutto può arrivare da noi stessi, dalla capacità di inventare il nostro futuro e trovare nuove soluzioni usando il talento della creatività in modo pratico e utile, senza perdere il confronto con le generazioni passate.  Continua a leggere

World Retail Awards, due aziende italiane nella top ten

IMG_2328World Retail Awards è una piattaforma globale, che riconosce e promuove l’eccellenza del retail – la vendita al dettaglio. I rivenditori di tutti i paesi del mondo e di tutti i settori si sfidano ogni anno per vincere premi molto ambiti. Gli Awards offrono inoltre alle organizzazioni di vendita al dettaglio di tutto il mondo l’opportunità di mostrare l’innovazione e la creatività all’interno del loro business. Al suo interno i leader di vendita si uniscono e influenzano il raggiungimento dei loro obiettivi condivisi, attraverso dibattiti ad alto profilo.

L’evento, giunto alla settima edizione, si terrà a Parigi tra il 7 ed il 9 ottobre. Molti i temi trattati durante le giornate: l’economia e i consumatori, le tendenze tecnologiche, il marketing, il commercio e il design etc. L’8 ottobre verranno anche assegnati i World Retail Awards che premieranno i meritevoli dopo che una giuria avrà valutato ognuna delle 66 aziende che, ripartite su 11 categorie, sono entrate nella top ten dei finalisti. I giudici provengono dai principali settori di rivendita, scuole di business, aree governative, enti pubblici e organizzazioni del settore privato. Sono tutti sono selezionati per la loro specifica esperienza e conoscenza e sono influenti rappresentanti del settore retail.

Nella categoria Best New Retail Launch trovano posto due aziende italiane. Si tratta di Presso e di t.riciclo. Il primo è situato a Milano a pochi passi dall’Arco della Pace ed è progettato e arredato come la casa che sogni, oltre a essere a disposizione per il tempo che vuoi. Per la colazione sfogliando la rassegna stampa, per un’ora di relax con un libro, per connettersi wi-fi, per la serata con gli amici, per cucinare insieme in uno spazio meraviglioso e, di seguito, vedere un film nell’home cinema privato. Insomma 350 m² per condividere le tue passioni.  Continua a leggere

Lisbona, dove si incontrano creatività e produttività

Tram_di_LisbonaA Lisbona potete trovare luoghi originali e fonte di ispirazione, che possono fare meraviglie per la vostra creatività e produttività. Non solo per chi è in vacanza, ma anche per quanti desiderano lavorare scoprendo angoli stimolanti e ricchi di inventiva. Per questo vi proponiamo una serie di idee alternative, dove la connessione è gratuita e si può anche mangiare o sorseggiare un caffè mentre si lavora. E ricordate che il lavoro fuori dalle mura domestiche aumenta la produttività!

Ecco i luoghi prescelti:
1. Calouste Gulbenkian. La Fondazione offre diversi spazi tranquilli dove si può lavorare, sia in biblioteca che nei giardini. Nei dintorni si può godere della vista di opere d’arte e la connessione a internet è garantita con wi-fi gratuito in tutte le aree comuni. Indirizzo: Avenida de Berna, 45A.

2. Centro Cultural de Belém. Per chi ama gli ambienti silenziosi è a disposizione la sala di lettura. Se si preferiscono spazi più vitali, si può scegliere tra diversi punti di ristoro. Nei giorni di sole si consiglia il Terrace Bar, che dispone di una terrazza. Indirizzo: Empire Square, Betlemme

3. Picoas Plaza. Un piccolo paradiso nel centro della città, con utilizzo gratuito di internet. Il cortile interno dà accesso a diversi ristoranti. Indirizzo: Rua Tomás Ribeiro, 65.

4. Palazzo di Galveias. Il Palazzo di Galveias ha diverse sale studio e una biblioteca, dove si può lavorare in pace. Il wi-fi è gratuito. Indirizzo: Campo Pequeno, 53.

5. COWORK Lisbona. Qui diversi professionisti indipendenti e piccole imprese si uniscono per lavorare in gruppo. Per avere diritto alla una scrivania l’affitto mensile si aggira intorno ai 99 euro, ma c’è la possibilità di una prova gratuita. Internet e caffè sono gratuiti. Indirizzo: Rua Rodrigues Faria, 103 Edificio I – 4 ° piano. Continua a leggere