Coworking: per cominciare bene il 2016, parliamone con i nonni

Nonna_computer.jpg.webpCari lettori,
siamo nel bel mezzo delle festività e per tutti è il momento di fermarsi, rilassarsi e godersi a proprio piacimento questo periodo.

Chi si occupa di coworking non manca certo di progettazione, e questo è un buon periodo tra un panettone, una cena e un abbraccio con i propri cari per prendere le distanze dallo spazio di lavoro sia esso gestito che affittato. Allontanarsi aiuta a trovare nuove prospettive, idee, mette in luce i difetti, ecco perché è il tempo per pensare a come iniziare bene il 2016.

I coworking non sono una scienza, né una filosofia, né tanto meno un movimento. Lo spazio di lavoro condiviso è una pratica, diffusa da tempo ma che ha preso coscienza di sé e quindi consapevolezza solo negli ultimi 10 anni. Chi vive all’interno di un coworking, chi lo progetta, lo abita, è un pioniere del lavoro, che sperimenta sistemi e modalità di funzionamento, e come in ogni sperimentazione la valutazione dei risultati è essenziale.

Ecco dunque i compiti mentali per cominciare bene il 2016.

Partiamo da un’autovalutazione, guardate il vostro spazio da lontano senza preconcetti né sovrastrutture mentali. Fate emergere i punti di forza e i punti di debolezza.

Poi andate oltre, cercate di capire la direzione che sta prendendo il coworking in Italia ma soprattutto in Europa e nel mondo; non è più il luogo dei liberi professionisti in cerca di famiglia, è anche il luogo ideale dove far crescere delle società, dove promuovere eventi, o dove svolgere gli incontri professionali.

In ultimo progettate il 2016, pensate a quello che potete fare in questo nuovo anno per dare un valore al vostro spazio. Parlatene con gli amici e soprattutto con chi non conosce o addirittura prova diffidenza verso questa modalità di lavoro. Una prova su tutte: fare capire alle nonne e ai nonni cosa fate, e cosa vorreste fare… se superate psicologicamente questo momento siete pronti per comunicare al mondo i vostri progetti!

Buon anno a tutti.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>